AV/AC no tav.

Spazio dedicato alle linee ferroviarie appartenenti alle FS, alla loro storia e ai loro servizi.

Messaggioda Macaco » 14/01/2019, 17:27

AV/AC no tav

Rispettando tutte le idee espresse in merito, mi accingo a dirvi la mia. Scusate se sarò un poco lungo e forse anche palloso.

Avete mai visto passare un treno merci ? Di quelli lunghi con tanti container sopra ? Li avete contati quanti sono i carri ? Sapete quante sono le tonnellate che trasporta quel treno ?

Cerchiamo di rispondere assieme a qualcuna di quelle domande.

Premetto che di questi treni ne circolano a centinaia giornalmente su ogni linea afferente ai transiti alpini per la semplice ragione che all'estero preferiscono il trasporto merci sul ferro più che su gomma.

Ma torniamo ai nostri calcoli, più o meno realistici.

Ogni treno di quelli trasporta in media circa 1600 (millesicento) tonnellate e con un solo mezzo di trazione ed un solo agente alla condotta.
Ogni treno di quelli tira dietro di se almeno un 30 o 40 carri che corrispondono ad altrettanti TIR.
Ogni treno di quelli, quindi, toglie circa 30 o 40 TIR dalla strada.

Pensate solo all'impatto che ogni treno di quelli evita all'ambiente.

Però il punto su cui voglio ragionare con voi a proposito della linea AV/AC in Val di Susa è un altro. Non lo so quanti voi conoscono l'attuale situazione ferroviaria sul valico del Frejus. Non a caso ho detto "valico". Quella è una linea di montagna costruita nei 1800. Una linea che non consente di farvi passare un treno come di quelli di cui sopra. Di un treno simile se ne dovrebbero fare almeno tre, con il triplicamento dei costi per i mezzi di trazione impiegati, per il personale di condotta nonchè per l'energia elettrica occorrente. Di conseguenza il trasporto ferroviario, per i costi suddetti, non risulta appetibile sulla linea attuale. Questa è la ragione per cui si sente dire che "non c'è traffico".

Vi si dice anche che la spesa per il traforo non è giustificata dal traffico esistente. Credo che quanto detto, confrontato al traffico stradale sotto il monte Bianco, possa farvi ragionare su quanto la tesi sia alquanto forzata.

O forse le ragioni sono altre ? Voglio solo accennarle.

Quanti soldi in meno fa girare ogni singolo treno di quello ?
- almeno 30/40 TIR quanto carburante in meno consumato ?
- almeno 30/40 tasse varie su patenti, assicurazioni, ecc.
- almeno 30/40 posti di lavoro in meno.
- almeno 30/40 mezzi in meno che consumano la gomma minando la relativa produzione di pneumatici.
- che dire poi al mancato introito per lo stato su quel mancato consumo di carburante.

Pensateci un poco e poi ditemi quali pensate possano essere, secondo voi, le vere ragioni dei NO TAV.

Queste sono semplici e personali considerazioni lontanissime da ideologie politiche.Considerazioni su cui vi inviterei a ragionare nel momento in cui foste chiamati ad esprimere il vostro parere su un referendum.

Scusate il papello.
Gaetano.
Scusatemi. Io appartengo al passato delle FS. Non sono ingegnere e sono contrario al cazzeggio...ferroviario.
Macaco Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1320
Iscritto il: 25/12/2011, 14:32
Località: Italia

Messaggioda Macaco » 14/01/2019, 17:29

La discussione da me avviata su altri gruppi è stata cancellata assieme a tutti commenti (una ventina circa) . Non vi dico il gruppo perchè aspetto che mi dicano quale regole ho violato. Questo per dirvi quanto "è caldo l'argomento". Spero solo che la ragione della cancellazione dei post non sia "politica".
Gaetano.
Scusatemi. Io appartengo al passato delle FS. Non sono ingegnere e sono contrario al cazzeggio...ferroviario.
Macaco Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1320
Iscritto il: 25/12/2011, 14:32
Località: Italia

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 14/01/2019, 18:09

Come ti ho risposto sul "libro in faccia" :mrgreen: e poi rimosso su tuo invito, reputo che chi parla e si oppone sui social di questi argomenti poco o nulla sappia di cose ferroviarie. Solo su un forum specifico si possono confrontare idee in libertà trattando l'argomento con un briciolo di conoscenza. Purtroppo esiste quella frangia di persone chi si oppone a tutto a prescindere. Pertanto sono contento di poter discutere su questo argomento se c'è chi vuole farlo.
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1842
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Contea di Moose, seicento miglia a nord di qualsiasi altro luogo

Messaggioda freelancer » 14/01/2019, 18:19

Le "altre ragioni" sono quelle che motivano chi la vuole fermare in sede governativa. I poveri cialtroni che manifestano con striscioni, urla e botte sono solo degli (in)utili idioti.
Paolo
freelancer Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1233
Iscritto il: 28/12/2011, 19:53
Località: Friuli-Venezia Giulia

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 16/01/2019, 19:09

Come giustamente ha scritto Gaetano, i soloni che sparano sentenze in materia, dovrebbero andarsi a vedere la FL 02 pag.124 e meditare sulle pendenze che ha la linea fra Bussoleno e Bardonecchia. Si va dal 14 al 30/°° con gradi di prestazione che arrivano a 27 e velocità massime che non superano i 100km/h. Solo in un breve tratto i 120km/h. Per non parlare poi che nel tratto in discesa dalla galleria di valico del Frejus a Modane si va a non più di 30/40km/h. Al contrario cambia poco. Ecco perchè non è possibile effettuare treni merci di grande tonnellaggio se non con doppie o triple trazioni a velocità ridicole. Inoltre la sagoma limite nonostante i lavori di adeguamento non rientra nello standard internazionale per le merci. Inoltre a limitare il traffico ci sono mediamente cinque ore notturne di interruzioni programmate per manutenzione sui due binari.
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1842
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Contea di Moose, seicento miglia a nord di qualsiasi altro luogo

Messaggioda Macaco » 16/01/2019, 20:19

Il guaio, caro Giancarlo può essere anche un altro ancora più grave. Tanta gente potrebbe essere chiamata alla urne a pronunciarsi su problematiche quasi sconosciute. Allora potrebbero votare solo per "fede" politica, a seconda come viene approntata la campagna elettorale. Spesso le masse, sapientemente "portate al guinzaglio" (come insegna la storia) hanno fatto delle scelte sbagliate di cui le masse stesse ne hanno pagato a lungo tristi conseguenze.
Gaetano.
Scusatemi. Io appartengo al passato delle FS. Non sono ingegnere e sono contrario al cazzeggio...ferroviario.
Macaco Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1320
Iscritto il: 25/12/2011, 14:32
Località: Italia

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 16/01/2019, 23:51

Infatti reputo che far votare argomenti di carattere strategico per la nazione sia la cosa più sbagliata che ci sia. Tanto più se questo viene fatto fare a seguito di eventi particolari, vedi le centrali nucleari a seguito di Cernobil. Abbiamo un parlamento eletto dagli italiani e da questo, piaccia o meno, che devono essere prese certe decisioni.
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1842
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Contea di Moose, seicento miglia a nord di qualsiasi altro luogo


Torna a Linee ferroviarie (storia e servizi)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron