Dispositivo Contatto Funghi (DCF)

Spazio dedicato agli impianti IS (scambi, segnali, apparati, sistemi di blocco e di telecomando)

Messaggioda fas » 04/03/2020, 23:58

Apro questo post per inserire una breve descrizione del "Dispositivo Contatto Funghi" (DCF), che negli ultimi mesi sta avendo una diffusione sempre maggiore sulla rete italiana.

Il DCF nasce con l'obiettivo di estendere i punti in cui viene effettuato il controllo della posizione degli aghi sui deviatoi delle tipologie S60 UNI/400/0,074 e S60 UNI/400/0,094.
Tali deviatoi, percorribili in deviata alla velocità massima di 60 km\h, infatti nascono con un solo punto di manovra e di controllo della posizione, in corrispondenza della cassa di manovra.

Tale configurazione, seppur economicamente vantaggiosa, non consente di verificare la posizione degli aghi per tutta la loro estensione (pari a 11 m, tra la punta e la cerniera elastica).
In particolare, non permette di verificare che:
- la distanza tra ago discosto e contrago, in corrispondenza della zona di "contatto funghi" (5,85 m dalla punta del deviatoio), sia di almeno 58 mm. Tale misura garantisce che vi sia sufficiente spazio libero per consentire il libero passaggio del bordino, senza urti con l'ago discosto;
- non vi siano restringimenti di scartamento sull'intera estensione degli aghi. L'attuale sistema di manovra elettrica, infatti, non è in grado di rilevare eventuali restringimenti di scartamento causati da un ostacolo che si interpone tra ago e contrago ad una distanza superiore a 2 metri dalla punta del deviatoio.

Per rispondere a tali esigenze, sono stati rispettivamente sviluppati i seguenti due dispositivi:
- DCF, costituito da una cerniera elastica che unisce i due aghi del deviatoio in corrispondenza della zona di "contatto funghi". Fornisce, tramite un controllo elettrico, la conferma che tra ago e contrago sia presente un'adeguata distanza (compresa tra 58 e 68 mm);
Immagine

- Scatole di controllo TM07 o TM29, che forniscono il controllo elettrico di posizione dell'ago accosto.
Immagine

Il controllo elettrico fornito da DCP e scatole di controllo viene cumulato con quello presente nella cassa di manovra.
Contestualmente all'installazione del sistema, il tradizionale RFM (Rilevatore di Fine Manovra) presente sulla cassa di manovra viene coperto e sostituito dal segnale a LED SID-TM32 che fornisce il controllo cumulativo di posizione del deviatoio
Immagine

Qui trovate un video illustrativo del sistema

A chi volesse ulteriormente approfondire l'argomento, segnalo l'articolo presente sulla rivista "La Tecnica Professionale" di Ottobre 2019.

Attendo i vostri eventuali commenti/integrazioni/correzioni.
fas Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1970
Iscritto il: 23/12/2011, 16:28

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 06/03/2020, 19:00

Interessante dispositivo pensato per la sicurezza ferroviaria.
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1903
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Contea di Moose, seicento miglia a nord di qualsiasi altro luogo

Messaggioda ssb » 07/03/2020, 17:19

Grazie! Finalmente una spiegazione esaustiva.
ssb Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 181
Iscritto il: 09/12/2014, 18:49
Località: Svizzera

Messaggioda merlotrento » 12/03/2020, 22:34

Complimenti!
pietro
merlotrento Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 214
Iscritto il: 02/01/2012, 17:15


Torna a Impianti di sicurezza (Apparati e segnali)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti