Telecomandi (PaP\CTC\SCC) [era: Pontebba]

Spazio dedicato agli impianti IS (scambi, segnali, apparati, sistemi di blocco e di telecomando)

Messaggioda maxvit » 28/06/2012, 15:05

quando sono stati citati gli ACEI della Iseo Edolo hai descritto le stazioni dopo iseo (rovato a parte) ma da Brescia fino ad Iseo? (Brescia escludiamola in quanto l'acei di Brescia comanda le partenze e gli arrivi da e per i binari del piazzale Ovest che sono quelli in uso alle Nord)
maxvit Non connesso


 
Messaggi: 84
Iscritto il: 07/01/2012, 14:30

Messaggioda Alex Corsico » 28/06/2012, 17:40

Nella parte bassa ci sono gli ASCV di Alstom.....

ciao
Alex Corsico
------------------------------------
Ferrovie e Tranvie Locali
Direzione d'Esercizio di Pavia
------------------------------------
Alex Corsico Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 99
Iscritto il: 05/01/2012, 10:11
Località: Pavia

Messaggioda maxvit » 29/06/2012, 16:08

A si? non lo sapevo...ma come mai due teconologie diverse sulla stessa linea (premetto che manco da Brescia da quasi 10 anni e ultimamente non seguivo così attivamente la vita ferroviaria della città...
maxvit Non connesso


 
Messaggi: 84
Iscritto il: 07/01/2012, 14:30

Messaggioda fas » 31/07/2012, 11:30

fas ha scritto:
merlotrento ha scritto:Quando nel 1979/80 si riaprì la linea FS Siena Buoncovento l'esercizio fu basato su l'utilizzo di ACEI Semplificati con autocomando dell'itinerario di arrivo e comando locale dell'itinerario di partenza...se ne è scritto su " La Tecnica Professionale" Maggio 1980
"Nuovi criteri di esercizio e nuovi impianti per la riapertura della Siena-Buonconvento"
Autori: G. Bonora, G. Caprio

Se non erro un sistema simile è in uso sulla Faenza-Lavezzola.


Seppure con un po' di ritardo, eccone la conferma:
Dal FL 85
LINEA FAENZA – LAVEZZOLA

CONSELICE
L’itinerario di partenza nel P.P. impresenziato deve essere comandato d’iniziativa
dall’agente treno (sempre che il D.P.C. non abbia diversamente disposto con
prescrizione), con azionamento delle maniglie per il comando locale degli itinerari di
partenza cui punto 1.4.1 quarto capoverso I.E.T., nell’imminenza della partenza del
treno, per evitare prolungate chiusure dei PL, tenendo presente (per evitare ritardi in
partenza) che gli stessi hanno un tempo di chiusura di 30 secondi. In ogni caso
l’azionamento deve avvenire SOLO DOPO L’ACCENSIONE DELLE RELATIVE
LAMPADINE ACCOMPAGNATE DALLO SQUILLO DELLA SUONERIA.- Tali
maniglie sono poste sul marciapiede del P.P. lato Lugo per gli itinerari verso Lugo, e
lato Lavezzola per gli itinerari verso Lavezzola, sono contenute in cassa stagna
apribile con chiave telefonica tipo F.S. 47/1 contraddistinte esternamente con la
scritta: << COMANDO LOCALE ITINERARIO DI PARTENZA PER … (Lugo o
Lavezzola) >>; internamente con la scritta: << C.L.I. … (numero del punto di origine-
numero del punto finale dell’itinerario) PER ... (Lugo o Lavezzola) >>.


idem per MASSALOMBARDA

Curioso il fatto che anche nell'impianto di CERVIA sulla Ravenna-Rimini, in DCO, gli itinerari di partenza vadano comandati dal personale del treno tramite CLI.
fas Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1977
Iscritto il: 23/12/2011, 16:28

Messaggioda ioannesg » 31/07/2012, 18:36

Mi pare stiamo andando un po' OT... dal Friuli dell'oggetto siamo finiti in Romagna...
Giovanni
ioannesg Non connesso

Avatar utente
Amministratore
 
Messaggi: 1495
Iscritto il: 23/12/2011, 18:10
Località: Roma

Messaggioda fas » 16/08/2012, 12:55

Segnalo anche il CTC semplificato della Cancello-Torre Annunziata (FL 123)

Norme di esercizio della linea Cancello – Torre A. C.le (Estratto dalle Istruzioni per l’esercizio della linea Cancello – Torre A.C. – ed. 1995)

La linea è equipaggiata per il servizio di tipo locale. In particolare, nelle stazioni non abilitate ed impresenziate il personale di scorta deve azionare il comando per la manovra a v.l. del segnale di partenza;

1. Regime di circolazione: Blocco Elettrico c.a. (tre sezioni: Cancello-S.Giuseppe V., S.Giuseppe V.-Terzigno, Terzino-Torre A.C.)

2. Sistema di esercizio: Sistema economico di esercizio (con C.T.C. semplificato). Il controllo del tratto di linea Cancello – S.Giuseppe V. è affidato al DM di S.Giuseppe V. ed Il controllo del tratto di linea Terzigno – Torre A.C. è affidato al DM di Terzigno. Il tratto di linea S.Giuseppe V. – Terzigno è gestito a Dirigenza Locale

3. Stazioni Porta: Cancello e S.Giuseppe V., per il tratto con posto di controllo S.Giuseppe V. e Terzigno e Torre A.C., per il tratto con posto di controllo a Terzigno.

4. Posti periferici: Marigliano, Ottaviano, Boscoreale stazioni disabilitate ed impresenziate. (Tutte le località di servizio sono impresenziate ed i deviatoi sono immobilizzati con il dispositivo previsto dall’art. 8 ISD.)

5. Posti di linea: PL manovrati o su comando locale per la manovra del segnale di partenza azionato dall’Agente Treno o in autocomando.

6. Incombenze dei DM di Cancello e di Torre A.C. : Il DM di Torre A.C. (per i treni pari) ed il DM di Cancello (per i treni dispari) devono consegnare all’A.T. la chiave YALE, a marca unica, per l’accesso ai locali dei posti periferici di Marigliano, Ottaviano, Boscoreale, nei quali risiedono i quadri per la lettura dei controlli dei PL di linea. Una copia della chiave YALE è in consegna ai DDMM di S.Giuseppe V. e di Terzigno.

7. L’accesso alle garitte dei PL (presenziabili) è possibile mediante la specifica chiave YALE in consegna ai DM delle stazioni porta.

8. Comando locale per la manovra del segnale di partenza nelle stazioni disabilitate ed impresenziate: la leva di tale comando è ubicata in cassa
stagna, con sportello apribile con chiave quadra in dotazione all’A.T., istallato sotto il segnale di partenza o su specifica piantana.

9. La chiave YALE per aprire gli sportelli degli armadi contenenti il dispositivo “exAut” da azionare dal personale di scorta dei Carrelli o dei treni Materiali per rendere inattivi gli automatismi con azionamento a pedale: è in consegna alla Zona I.E (Cancello) e al Tronco Lavori competente per giurisdizione sulla linea (Maddaloni Marcianise S.to), una copia della stessa è in dotazione al Reparto Manutenzione (Torre A.C.)

10. Prescrizioni ai treni: per le prescrizioni ai treni vanno adoperati i moduli previsti dall’Allegato III R.C.T.

11. Le comunicazioni registrate tra l’Agente Treno e DM: Per le procedure di dettaglio da applicare nel caso di anormalità ai segnali, a PL e alle apparecchiature TV; per le procedure da applicare per la gestione delle operazioni connesse alla manutenzione della linea; per le procedure da osservare per la circolazione dei carrelli e dei Treni Materiali sui tratti di linea Cancello – S.Giuseppe V. e Terzino – Torre A.C. si rimanda alle Istruzioni per l’esercizio della linea Cancello – Torre A.C.. devono avvenire utilizzando il protocollo M 100 b (DM) ed il modulo M 40 a(AT); dette trasmissioni saranno contraddistinte dal numero progressivo del protocollo o del modulo M40a, frazionato con un numero saltuario di due cifre.
fas Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1977
Iscritto il: 23/12/2011, 16:28

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 16/08/2012, 13:55

E con questo in Campania. :mrgreen:
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1906
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Contea di Moose, seicento miglia a nord di qualsiasi altro luogo

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 16/08/2012, 14:01

Ops, non mi sono accorto che e' stato modificato il titolo del post. Sorry :mrgreen:
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1906
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Contea di Moose, seicento miglia a nord di qualsiasi altro luogo

Messaggioda merlotrento » 29/06/2020, 8:02

A proposito di SARI Parisini interessante anche quanto troviamo qui
http://site.rfi.it/quadroriferimento/d2 ... 0604_1.pdf
disposizione relativa al passaggio a RFI della linea Sansepolcro Perugia SG Terni ex FCU
merlotrento Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 219
Iscritto il: 02/01/2012, 17:15

Precedente

Torna a Impianti di sicurezza (Apparati e segnali)

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite