Progettazioni poco serie.....

Spazio dedicato alle ferrovie estere

Messaggioda E 44 » 24/09/2016, 15:30

Chi si occupa di ferrovie slovene conosce le automotrici 813-814. Entrarono in servizio negli anni settanta su ordinazione fatta alla FIAT. In sostanza una derivazione delle famose "micette" Aln 668, costituita da due casse riunite permanentemente assieme, la prima 813 motrice e la seconda 814 vettura pilota. L'accoppiamento è sempre stato stabile, la motrice non è mai stata impiegata da sola. A causa dell'avanzare dell'età di servizio, ad inizio anni novanta la maggior parte di questi mezzi venne revisionata e modificata nelle officine di Maribor. L'insieme come motori rimase inalterato, motrice+pilota, ma l'unione fra le due casse vide l'eliminazione delle cabine e la trasformazione in normale unione tipo standard, mentre alle due estremità vennero montate due nuove ampie e spaziose cabine di guida con l'eliminazione delle inutili porte centrali mai usate. Inoltre le porte di accesso centrali vennero cambiate dal tipo a soffietto a due elementi rigidi che si aprono verso l'esterno mossi da un lungo perno. Però per motivi finanziari un piccolo gruppo di unità, sette, rimase allo stato originario e vennero tutte impiegate nelle relazioni in Stiria Maribor-Murska Sobota-Ormož e Maribor-Cakovec.
Dallo scorso maggio con notevole sorpresa di tutti le unità rimodernate sono scomparse dalla Bohinjska proga/Wocheinerbahn, la parte finale della Transalpina, fra Jesenice, Nova Gorica e Sežana, rimpiazzate proprio dalle vecchie unità allo stato originario tipo "micetta". Il perchè non si capiva.
Adesso il mistero è stato svelato.
Vicino a Nova Gorica c'è Solkan, poco prima del famoso viadotto con l'arco in pietra più grande del mondo. Che nel 1946 ebbe la sua fermata, marciapiede e chiosco di attesa. In questi ultimi tempi è stata costruita una nuova fermata, spostata in modo tale da essere accanto al capolinea dell'autobus urbano, e questo è ottimo. Costruita in uno stile moderno presenta una novità come stile costruttivo (e qui si può obiettare che il vecchio chiosco d'attesa era brutto di aspetto ma proteggeva bene dalle intemperie mentre il nuovo protegge assai poco anche se è più artistico.....) ma soprattutto presenta una altra novità: il marciapiede è stato elevato di altezza come si può vedere in tanti paesi europei, per essere a livello delle porte ed evitare disagi ai pendolari, ma......le nuovo porte delle 813-814 rimodernate che si aprono in fuori sono più basse e perciò non possono aprirsi con il marciapiede nuovo, che le blocca.
Perciò è stato giocoforza trasferire qui le vecchie 813-814 non rimodernate che grazie alle porte a soffietto possono far entrare i viaggiatori. Vecchie motrici che ovviamente adesso non se ne possono andare su altre linee e nemmeno venir rimodernate.
Ma insomma: questi progettisti quando progettano sanno quello che fanno (ricordate le ferrovie francesi tempo fa con pure marciapiedi che impedivano addirittura ai treni di accostarsi)? E speriamo che non vengano alzati altri marciapiedi in altre linee slovene, sennò tutte le altre 813-814 rimodernate non potranno più fare servizio................
Paolo
E 44 Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 691
Iscritto il: 04/01/2012, 17:48

Messaggioda fas » 24/09/2016, 21:29

Mi ricorda quello che era accaduto a Reggio Emilia: http://www.bardellarotaia.it/viewtopic.php?f=27&t=545
fas Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1896
Iscritto il: 23/12/2011, 16:28
Località: Abruzzo

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 25/09/2016, 18:36

Non c'è di che stupirsi. A Roma quando istituirono la linea tranviaria 8, fecero le banchine delle fermate a misura deile vecchie vetture Stanga 7000 all'ora le sole in servizio. Quando misero in servizio i nuovi mezzi a piano ribassato comprati apposta per quella linea, si accorsero che le porte non potevano aprirsi perché battevano contro il bordo della banchina.
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1812
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Contea di Moose, seicento miglia a nord di qualsiasi altro luogo

Messaggioda Giovanni Pighini » 26/09/2016, 19:01

Giancarlo, sull'8 non è vero il contrario? Che le Stanga non possono aprire la porta centrale perché il predellino sbatte?
Giovanni
Giovanni Pighini Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 675
Iscritto il: 26/12/2011, 10:33
Località: Roma, Italia

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 26/09/2016, 19:44

Giovanni Pighini ha scritto:Giancarlo, sull'8 non è vero il contrario? Che le Stanga non possono aprire la porta centrale perché il predellino sbatte?

Io sapevo il contrario. :? :oops:
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1812
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Contea di Moose, seicento miglia a nord di qualsiasi altro luogo


Torna a Ferrovie Estere

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron