Ultima frontiera dell'impresenziamento

Spazio dedicato agli argomenti riguardanti il materiale rotabile in generale, non riconducibili ad una delle precedenti sezioni

Messaggioda Giovanni Pighini » 06/07/2012, 13:06

Se ne parlava da mesi e adesso è ufficilale:

Rio Tinto automation contract confirmed

Ovvero, Ansaldo STS fornira il sistema di guida automatica dei treni minerari della linea Pilbara (Australia, del gruppo Rio Tinto)
Insomma avremo i primi treni merci driverless,che percorreranno anche più di 1000 km!
Ansaldo STS si occuperà anche dell'installazione della frenatura elletropneumatica su locomotive e carrozze (su quei giganteschi treni, non guasta mica!)
Insomma c'è chi rimpiange le stazioni impresenziate... qui si va verso l'impresenziamento dei treni :lol:
Giovanni
Giovanni Pighini Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 675
Iscritto il: 26/12/2011, 10:33
Località: Roma, Italia

Messaggioda Giovanni Pighini » 06/07/2012, 13:08

Qui il comunicato ufficiale di Ansaldo STS
http://www.ansaldo-sts.com/it/media/pre ... a_eng.html
Giovanni
Giovanni Pighini Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 675
Iscritto il: 26/12/2011, 10:33
Località: Roma, Italia

Messaggioda freelancer » 06/07/2012, 13:13

Su percorsi più brevi ma sempre di piena linea, cioè non interni alla miniera, c'era (dovrebbe a dire il vero esserci ancora) già una miniera in Canada che lo faceva (tra l'altro una delle poche linee elettrificate in Nordamerica). Ma 1500 km... tutta l'Italia, in pratica (già penso alle proteste sindacali se facessero un simile sistema qui :mrgreen: ). E shhhh, non ditelo a MM.
Ultima modifica di freelancer il 06/07/2012, 13:20, modificato 1 volta in totale.
Paolo
freelancer Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 28/12/2011, 19:53
Località: Friuli-Venezia Giulia

Messaggioda Giovanni Pighini » 06/07/2012, 13:19

Veramente? Che nella zona di Vancuver ci fosse una linea elettrificata (tra l'altro a 50 kV 60Hz) lo sapevo, ma la stessa è stata chiusa (rimane qualche tratto aperto per il turismo, ma diesel). Parli di quella linea?
Giovanni
Giovanni Pighini Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 675
Iscritto il: 26/12/2011, 10:33
Località: Roma, Italia

Messaggioda freelancer » 06/07/2012, 13:22

No, si trova sulla costa est. Quella che hai nominato era la linea di Tumbler Ridge, in cui i treni non erano automatici.
Quella di cui ho parlato io (Iron Ore Corporation of Canada) usa una versione elettrica delle Diesel SW-1600 e funziona a soli 2400 V 60 Hz (corrente usata ancora per la distribuzione elettrica urbana in Nordamerica: da noi si usa per lo stesso scopo oramai 10000 V). Usano quella tensione perchè ha evitato di montare a bordo trasformatori ma semplicemente usano un motore sincrono al posto del Diesel, mantenendo inalterato il resto del circuito. Pensavo che l'arte di arrangiarsi fosse di casa solo da noi... :geek:
Avevo trovato la notizia dell'ammodernamento delle macchine e della conseguente automazione del traffico.
Paolo
freelancer Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 28/12/2011, 19:53
Località: Friuli-Venezia Giulia

Messaggioda Giovanni Pighini » 06/07/2012, 14:55

Interessante!!!!!!! Cavolo un motore elettrico sincrono al posto del diesel. Una loco elettrica-elettrcia!!!!!! Insomma una Ward-Leonard
Giovanni
Giovanni Pighini Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 675
Iscritto il: 26/12/2011, 10:33
Località: Roma, Italia

Messaggioda freelancer » 06/07/2012, 16:11

Ricorda un po' la nostra E.321/323, no? Solo con una potenza un po' maggiore...
D'altro canto per anni questo metodo (con motore primo a cc o ca a seconda dell'alimentazione) era stato il migliore se occorrevano pesanti avviamenti, repentini cambi di direzione, capacità frenanti a recupero.
Paolo
freelancer Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 28/12/2011, 19:53
Località: Friuli-Venezia Giulia

Messaggioda andm » 06/07/2012, 16:58

Che progetto ambizioso!
Un conto è una metropolitana che va da sola, con gli accessi blindati e le gallerie inaccessibili, un conto e questo...

Bella invece l'idea del sincrono al posto del diesel! Con l'avvento dell'elettonica i gruppi rotanti, giustamente, sono passati in secondo piano. Però anche a me affascinano parecchio.
Andrea
andm Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 374
Iscritto il: 26/12/2011, 21:39
Località: Milano

Messaggioda freelancer » 07/07/2012, 10:40

Io già mi immagino un Frecciarossa automatico... Possiamo solo immaginarlo :lol: :lol:
Paolo
freelancer Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1276
Iscritto il: 28/12/2011, 19:53
Località: Friuli-Venezia Giulia

Messaggioda fas » 07/07/2012, 18:42

Che notizia!
Peccato che entrambi i comunicati siano un po' carenti nelle informazioni, sarebbe interessante sapere quali accorgimenti verranno adottati per poter gestire i convogli senza personale a bordo.
fas Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 23/12/2011, 16:28

Messaggioda Giovanni Pighini » 07/07/2012, 23:13

VF-21 ha scritto:Io già mi immagino un Frecciarossa automatico... Possiamo solo immaginarlo :lol: :lol:

Oramai la tecnologia è più sicura ed efficace del macchinista. Dopotutto che fa un sistema ATP? Evita che il treno sfondi la curva di frenatura ed interviene in tal caso... In realtà, come sugli aeroplani, il ruolo del macchinista è quello in cui l'essere umano eccelle e gli automatismi no: reagire agli imprevisti, guasti,...
Giovanni
Giovanni Pighini Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 675
Iscritto il: 26/12/2011, 10:33
Località: Roma, Italia

Messaggioda andm » 08/07/2012, 17:51

Infatti, è proprio questo che è difficile automatizzare, a meno che di rendere gli imprevisti prevedibili e di garantire la possibilità di gestire l'emergenza "imponderabile" in tempi ragionevoli, come nel caso delle metropolitane automatiche.
Andrea
andm Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 374
Iscritto il: 26/12/2011, 21:39
Località: Milano

Messaggioda Alex Corsico » 09/07/2012, 13:53

Beh forse non tutti sanno che a Milano ci sono i macchinisti solo per "estetica" :)

In linea 3 è tutto automatico.....i macchinisti chiudono le porte schiacciano start.... e basta...... solo per motivi "sindacali", ma la MM3 è automatica.... di notte facevamo le prove ed il macchinista non faceva nulla..... :) poi per motivi sopracitati e perchè nessuno si è preso la responsabilità di avvallare questo automatismo spinto si è deciso di soprassedere e non continuare nel progetto.

ciao
Alex Corsico
------------------------------------
Ferrovie e Tranvie Locali
Direzione d'Esercizio di Pavia
------------------------------------
Alex Corsico Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 99
Iscritto il: 05/01/2012, 10:11
Località: Pavia

Messaggioda Giovanni Pighini » 09/07/2012, 14:11

Si certo, qua la frontiera che si sfonda è quella del driverless addirittura su una ferrovia che percorre più di 1000 km (e treni di 10000 t!). Un certo "salto" quantico!
Giovanni
Giovanni Pighini Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 675
Iscritto il: 26/12/2011, 10:33
Località: Roma, Italia

Messaggioda Alex Corsico » 09/07/2012, 14:53

Un locomotore od un treno da 1000t è sempre un treno...... cambia l'approccio della macchina non dell'esercizio..... almeno sino ad ora :), se invece c'è dell'altro questo mi sfugge, ma non ho fatto studi che mi permettono di capire il salto quantico..... :)

ciao
Alex Corsico
------------------------------------
Ferrovie e Tranvie Locali
Direzione d'Esercizio di Pavia
------------------------------------
Alex Corsico Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 99
Iscritto il: 05/01/2012, 10:11
Località: Pavia

Prossimo

Torna a Rotabili in generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron