Vetture climatizzate

Spazio dedicato agli argomenti riguardanti il materiale rotabile in generale, non riconducibili ad una delle precedenti sezioni

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 26/11/2012, 18:34

Sono a Pistoia in attesa di decisioni in merito, le due vetture "Corbellini" Bz 38417 e Bz 38599 a suo tempo residenti a Campobasso, sulle quali sono state montati, uno per testata, dei climatizzatori.
corbellini di CB.jpg

Visto l'uso e il clima del Molise, c'hanno proprio azzeccato a montarli. :mrgreen:
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1931
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Roma

Messaggioda ioannesg » 26/11/2012, 19:00

La domanda che mi son fatto quando ho visto quest'artificio è stata... ma come glieli danno i 220V e tutti i KW che servono per farli funzionare? C'è un motogeneratore a bordo o tramite REC?
Giovanni
ioannesg Non connesso

Avatar utente
Amministratore
 
Messaggi: 1495
Iscritto il: 23/12/2011, 18:10
Località: Roma

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 26/11/2012, 19:04

Questo non l'ho chiesto. Però potrebbero essere quelli che si usano anche sui mezzi stradali che sono alimentati a 24volt c.c.
corbellini CB.jpg
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1931
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Roma

Messaggioda ioannesg » 26/11/2012, 19:08

Ah, beh, vero anche questo, ma quelle unità esterne non mi sembrano da 24volt c.c. :roll:
Giovanni
ioannesg Non connesso

Avatar utente
Amministratore
 
Messaggi: 1495
Iscritto il: 23/12/2011, 18:10
Località: Roma

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 26/11/2012, 19:25

Questoè il sito del costruttore:
http://www.baltur.it/it/it/Catalogo
però, ripensandoci, e visto il tipo di interruttore posto sotto l'unità e visto anche un cavo extra che collega fra loro le due vetture, potrebbe esserci un inverter posto da qualche parte su una delle due.
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1931
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Roma

Messaggioda Giovanni Pighini » 26/11/2012, 19:36

Le carrozze hanno il REC e le batterie (vedendo la foto), quindi se sono impianti "casalinghi" ci sarà un inverter da qualche parte. Che poi lavori con i 3000 V o i 24 V non lo so (più probabile la seconda anche se tocca vedere il caricabetterie se regge!)
Giovanni
Giovanni Pighini Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 675
Iscritto il: 26/12/2011, 10:33
Località: Roma, Italia

Messaggioda fas » 26/11/2012, 21:38

Grazie per le foto, è la prima volta che ho modo di vedere da vicino l'impianto di climatizzazione delle Corbellini :)

Ma le carrozze che fine faranno? Quali problemi hanno?
fas Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 2033
Iscritto il: 23/12/2011, 16:28

Messaggioda andm » 28/11/2012, 11:21

A me sembra strano che usino il 24V delle batterie: tecnicamente è fattibile, ma non so per quanto possa funzionare prima di scaricare le batterie.
Senza nulla togliere a chi si è prodigato per l'intervento (probabilmente con risorse limitate) e alla necessità del condizionamento, forse un cassone meno visibile sarebbe stato meglio: magari installandolo all'interno e canalizzando l'aria all'esterno...
Andrea
andm Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 374
Iscritto il: 26/12/2011, 21:39
Località: Milano

Messaggioda Giovanni Fvm » 28/11/2012, 22:14

Sembrano climatizzatori molto piccoli. Probabilmente hanno una potenza limitata e riescono solo ad addolcire il clima all'interno (che non è poco). Molti climatizzatori domestici hanno dei sistemi per limitare il consumo di energia; è verosimile che questi ne abbiano uno più sofisticato che ne consenta l'utilizzo con batterie.
Non sono nessuno per giudicare ma non mi convince molto questa scelta. Non tanto per motivi estetici (anzi, ciò renderà queste corbellini "speciali") quanto per l'effettiva utilizzabilità di questi apparecchi. Immaginateli con tutti gli appassionati affacciati a finestrini aperti. Immaginate quale dispersione avrà una carrozza così datata. Sommato al fatto che son pure piccoli come apparecchi potrebbe tradursi in una lotta del condizionatore a riscaldare/raffreddare l'inriscaldabile/inraffreddabile nel mentre che ha limitazioni di assorbimento. Essendo poi di tipo "domestico" potrebbe incorrere in tutti i problemi che hanno questi apparecchi quando si sforzano... boh, ma lo avranno considerato di certo.
Più che parte, riuscirà ad espellere l'aria se contro il senso di marcia del treno?
Giovanni Fvm Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 596
Iscritto il: 25/12/2011, 1:32
Località: Fano

Messaggioda Giancarlo Giacobbo » 30/11/2012, 17:30

Essendo nuovamente a Pistoia, sono tornato ad interessarmi di queste vetture.
Allora, i climatizzatori sono funzionanti a 220 volt; le due Corbellini sono unite mediante una linea elettrica a 220 volt che prendeva l'alimentazione da un gruppo elettrogeno di adeguata potenza posto su un bagagliaio che veniva messo in composizione al treno.
Svelato l'arcano mi domando, a che pro' furono spese una barca di lire per attrezzare queste vetture. :evil:
Giancarlo
Giancarlo Giacobbo Non connesso

Avatar utente
 
Messaggi: 1931
Iscritto il: 23/12/2011, 17:06
Località: Roma

Messaggioda ioannesg » 30/11/2012, 18:49

Per l'utilizzo estivo ed evitare l'effetto forno?
Quindi alla fine si sono inventati un accrocco assurdo in barba anche a tutte le norme...
Giovanni
ioannesg Non connesso

Avatar utente
Amministratore
 
Messaggi: 1495
Iscritto il: 23/12/2011, 18:10
Località: Roma


Torna a Rotabili in generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron